Ufficio: » Attività produttive/Commercio/SUAP
Referente: Rita Palmieri
Indirizzo: Piazza Roma n. 2 – primo piano
Tel.: 0522 750734
Fax: 0522 669197
E-mail: a.produttive@comune.campagnola-emilia.re.it
Ricevimento al pubblico: ORARIO INVERNALE dal martedì al venerdì 11.00 alle 12.30 sabato dalle 11.00 alle 12.00 ORARIO ESTIVO (giugno, luglio, agosto, settembre) dal martedì al venerdì 11.00 alle 12.30 sabato dalle 11.00 alle 12.00


Lo spargimento dei bocconi avvelenati è un reato grave punito dal codice penale

 

Avvelenare animali o disseminare bocconi avvelenati implica 4 reati:

  • L’articolo 727 del Codice Penale sul maltrattamento degli animali prevede : una ammenda da 1000 a 5000 euro per chi uccide animali con veleno condannandoli ad atroci sofferenze.
  • L’articolo 30 lettera H, e 21 lettera U della L. 157/ ’92 sulla caccia prevede:il divieto di uso di bocconi avvelenati punendo l’uso con ammenda di 1500 euro.
  • L’articolo 638 prevede la reclusione fino a 1 anno per uccisione o danneggiamento di animali altrui.
  • L’articolo 440 del Codice Penale sanziona chi avvelena sostanze destinate all’alimentazione con la reclusione da 3 a 10 anni.

La Provincia di Reggio Emilia ha attivato il numero verde 800-352292 sempre attivo a cui ci si può rivolgere per le segnalazioni dei bocconi rinvenuti, oppure è possibile contattare la Polizia Provinciale al seguente numero telefonico 0522/792222

Cosa fare se viene rinvenuto un boccone sospetto?
Se viene rinvenuta un’esca o un boccone avvelenato (o sospettato di esserlo), si può:

  • avvertire la Polizia Provinciale e nel frattempo delimitare l’area in maniera da non far accedere nessuno;
  • prelevare con cautela l’esca facendo attenzione a non toccarla senza protezione (usare guanti in lattice o sacchetti in plastica) e chiuderla in un contenitore a tenuta stagna, per consegnarla poi al Servizio Veterinario del Comune o alla Polizia Provinciale.

Non annusare mai l’esca, potrebbe contenere prodotti volatili (ad es. cianuri) altamente tossici.

Cosa fare se l’animale avvelenato muore a casa?
In caso di morte dell’animale per sospetto avvelenamento, si consiglia di non effettuare mai il seppellimento senza aver contattato il Servizio Veterinario o il Comune territorialmente competente segnalando la situazione.
L’animale avvelenato seppellito senza criterio potrebbe fungere da esca e causare la morte di altre specie di animali (la stricnina persiste in natura per diversi anni).
La carcassa dell’animale e i reperti eventualmente prelevati dal Servizio Veterinario verranno consegnati all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale.

Cosa fare per conoscere la sostanza che ha avvelenato l’animale?
L’animale morto prelevato o portato dal Medico Veterinario che provvederà a consegnarlo alla sede di Reggio Emilia dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, verrà sottoposto a visita autoptica per le analisi del caso (contenuto gastrico, fegato, plasma e altro) alla ricerca di un principio attivo: Stricnina, Fosfuro di zinco, Organofosforici-carbammati, Metaldeide, Anticoagulanti, Arsenico, Cloralosio, Crimidina, Cianuri, Erbicidi triazinici, Clorati, Paraquat, DNOC, Imidaclopride.

Quanto si paga per le analisi tossicologiche presso l’Istituto Zooprofilattico?
Le carcasse, le esche, i campioni tessutali e i contenuti gastrici di animali morti per sospetto avvelenamento vengono analizzati gratuitamente se consegnati tramite il medico Veterinario o tramite la Polizia Provinciale o altri corpi di Polizia.

Allegati